Storia della Scienza e della Tecnica. Dr Anna Toscano PhD

Filosofia e Scienza in Calabria nel ‘600. Dal rinascimento angioino all’oblio iberico

Dr. Anna Toscano PhD

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10

Né tuttavia va dimenticato che Cosenza fu, durante il regno di Federico II, per volontà dello stesso sovrano, un centro nevralgico dell’Impero, politico, economico ed amministrativo, posto lungo l’itinerario che collegava la Sicilia alla Puglia, e per il quale Federico ne pensò il riassetto urbanistico, avvalendosi di maestranze locali, toscane ed arabe.
Dall’altro lato l’età dell’Inquisizione, culminata con la persecuzione dei Valdesi, impedì nel territorio calabrese e cosentino in particolare, la circolazione di idee e pratiche in contrasto con le regole dogmatiche.
Cosenza, per il suo carattere irrequieto e la sua libertà intellettuale, cercò con i mezzi in suo possesso di opporsi, ma invano, ottenendo unicamente la cancellazione di ogni aspirazione politica e la condanna al sottosviluppo.
Come era accaduto durante gli anni di Federico II, alla cui morte la rinascita cosentina fu impedita con il ricorso alla violenza, tre secoli dopo quel rinascimento culturale, politico al quale Cosenza aveva sperato, fu annientato col sangue: durante gli anni che videro la persecuzione dei Valdesi (1560-62), trucidati a migliaia nelle cittadine calabresi dove erano stati accolti (Guardia Piemontese, S. Sisto, Montalto, dove, riportano le cronache, in soli 10 giorni il boia ne "sgozzò" 2000), centinaia di cosentini “ribelli” furono quotidianamente “squartati”, “strascinati”, “arrotati”, “afforcati” fino al 1607 (7). E a nulla valsero le ribellioni violente di scampati, come Berardi o Cicala, che, come molti altri calabresi, lasciò la Calabria, divenendo ammiraglio della flotta ottomana e al quale Campanella si rivolse in aiuto per l’infruttuoso tentativo di rovesciamento politico-religioso da lui ideato.
I frequenti terremoti che devastarono la città nel ‘600 e le epidemie di peste avrebbero compiuto il resto.

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10


(7) E. Galli, Cosenza seicentesca nella cronaca del Frugalli, Roma 1934

©Dr. Anna Toscano Ph.D.
Tutti i diritti riservati
Vietata la riproduzione anche parziale, con qualsiasi mezzo, non autorizzata


Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!